20 December 2017

Letterina di Natale




Cari Amici,

quest'anno si chiude con l'amaro in bocca e i giorni felici della nostra bella Italia quando eravamo tutti tra noialtri (si può dire?) sono rimasti solo  nell'album dei ricordi o nei film in bianco e nero: poveri ma belli, cialtroni ma simpatici. Ma tutti di noi.  Pesano questi ultimi 6 anni di governi imposti al di fuori delle elezioni, pesano  le loro pessime leggi che riescono sempre e comunque a  far passare, anche grazie ad un'opposizione che sembra un portiere brocco e incapace di parare colpi. Pesano i diritti delle minoranze a detrimento di quella maggioranza che non ha rappresentanti.  L'ultimo provvedimento di "fin di vita" a cavallo delle festività natalizie è stato la mazzata finale. Se solo avessero imposto la "fiducia", avremmo almeno avuto il pretesto per dire che è stato un atto coercitivo ineludibile. E invece no, è passato grazie a quella  "libertà di coscienza" di chi avrebbe dovuto opporsi con fermezza, segno evidente che il processo di corruzione e infiltrazione è arrivato all'apice. Segno evidente che nessuno si salva.  Pensate cosa sta accadendo  perfino dentro la chiesa a proposito di "infiltrazione": la Curia che vende un terreno all'UCOII per far sorgere una moschea. L'immigrazione non si è mai  fermata, ma soprattutto non c'è stata e non c'è la volontà di arrestarla che ben si vede in altri paesi europei.  E già ci fanno capire che può essere un campo minato in grado di esplodere da un momento all'altro. Quando saranno finite le strenne da 40 euro al giorno pro "migrante", è un potenziale ad alto rischio di deflagrazione e lo si vede già dalle facce truci e incattivite degli immigrati neri nei cortei, ai quali hanno messo in bocca slogan violenti e protervi come "vogliamo case" (quelle che non danno ai nostri poveracci), "vogliamo lavoro" (quello che non c'è più neanche per noi), "vogliamo  più diritti" (quelli che ci tolgono ogni giorno che passa). Il 2017 si chiude un po' così, senza che  nessun vero passo avanti nel senso della nostra indipendenza e sovranità  sia avvenuto. Senza che nessun passo avanti nel senso della salvaguardia dello "stato di diritto" sia stato fatto. Senza che nessun passo avanti nel senso della nostra sicurezza di cittadini venga imposto. Eppure ogni giorno i fatti di cronaca parlano di uccisioni, di furti, rapine nelle case, di borseggi nei parchi che finiscono con l'uccisione della vittima di turno,  per un orologio o una catenina d'oro;  furti con stupro, stupri che finiscono con la morte della vittima. Avete notato che se a uccidere è uno straniero la stampa di regime non parla mai di "femminicidio"? Loro sono esentati anche da questo...Esentati dalle categorie Onu che appiccicano solo agli autoctoni. 
Poi, sentenze su sentenze che gridano vendetta al cospetto di Dio: ladri che vengono risarciti e poveri derubati loro vittime,  messi in prigione come nel paese di Acchiappacitrulli della fiaba di Pinocchio;  l'INPS obbligata  a riconoscere il buono maternità anche agli immigrati, quando nulla si fa per le famiglie italiane.
Noi paghiamo (in tutti i sensi, perfino con la vita) e quelli passano  direttamente all'incasso. Per non dire di Forze dell'Ordine rese imbelli da continui processi e  pesanti investigazioni a loro carico.

Non sono capace di fare un post al giorno su tutto quel che succede, come fa l'amico Massimo che aggiorna quotidianamente il suo blog. Perciò ho abbozzato  un consuntivo. Facciamo, per qualche istante,  finta di tornare bambini quando facevamo trovare sotto il piatto dei nostri familiari quelle belle letterine con gli origami che si aprivano a fisarmonica e scintillavano di brillantini (qualcuno finiva nel piatto o sul tovagliolo).  Tutto era semplice, facile, fatato, perché bastava fare qualche buon proponimento, per credere di ottenere ricompense in leccornie e doni, e la nostra vita era protetta dai nostri genitori e dai loro sforzi.
Solo che qui invece  di dolciumi e balocchi,  si continua a prendere bastonate, mentre non si vedono segni di adeguata ribellione.
Intanto mentre i mercati  rionali delle nostre città addobbate a festa, cercano di trarre profitto dalle festività, per incrementare un po' di commercio, quel commercio già messo a durissima prova da una crisi senza fine,  mettendo in mostra bancarelle con ogni ben di Dio alimentare del quale il nostro paese è sempre andato orgogliosamente fiero, ecco che  arriva il via libera  europeo che consente "cibi alternativi". 
 Indovinate quali? insetti, scorpioni, formiche, bachi, vermi, ragni ecc.  e...delizia del genere umano....ora anche il pandoro con impasto di bachi da seta ad uso umanotteri sempre più inscimmiati, quali ci stanno trasformando.  Tu chiamalo se vuoi nella neolingua orwelliana, novel food.  Un modo per indorare quello che è invece cibo horror. 

Ma non voglio concludere questo elenco sconfortante del fatidico Vaso di Pandora senza quel filo di tenue di speranza che resta in fondo al vaso , spes ultima dea che  può e deve aiutarci a resistere e a non piegare il nostro morale. La buona notizia fra tanto  sfacelo ha un nome: Glauco Rabitti, responsabile di produzione Melegatti, ai microfoni di Fanpage.it, il quale  fa la sintesi di una settimana lunga e decisiva per il futuro dell’industria dolciaria veronese. “Ce l’abbiamo fatta. Non ci sarà nessuna cassa integrazione per i dipendenti”. La sfida è vinta. E lunedì si riparte: mini produzione di cinquemila pezzi". È un miracolo. Il miracolo di Natale”.

Lo dice senza mezzi termini e con parole cariche di emozione Glauco Rabitti. Il 7 novembre scorso è cominciata una corsa contro il tempo. Il futuro da una parte, il fallimento dall’altra. Un evento straordinario, mai visto da quando l’azienda, nel 1894, ha cominciato a sfornare il “Pandoro di Verona”, con la sua inconfondibile confezione blu che lo ha accompagnato, anno dopo anno, sulla tavola degli italiani. Ecco tutta l'intervista Vale la pena di leggerla e di seguire una vicenda che una volta tanto, è andata a buon fine. 

Ed  è pandoro-pandoro, inteso come vero dolce  senza porcherie insettivore  made in Europe al suo interno. Ma soprattutto chi vi lavora, potrà festeggiare il Natale con le proprie famiglie, tirando il fiato fino a Pasqua.  e non amareggiarsi con l'ennesimo licenziamento. Poi si vedrà...

Vanda ha dato una mano a impedire la cassa integrazione degli operai della Melegatti


Concludo, cari Amici (mi rivolgo ai lettori fissi ma  anche a  quelli occasionali), dicendo che è bene prendere un po' di distanza da  tutte queste aberrazioni difficilmente guaribili del nostro tempo, trascorrendo un sereno Natale nelle vostre case accanto ai vostri cari, con gli amici più fidati.  Magari con un piccolo presepe "vero"  dove la famiglia è ancora "sacra" senza la squallida campionatura di  contraffazioni iconoclaste, blasfeme e dissacranti,  fin qui riportate nei vari articoli. E radunati intorno  ad un albero scintillante per la gioia semplice dei piccoli e dei grandi. Mai come in questo periodo ne abbiamo tutti bisogno. Affinché la nostra vita non diventi solo fatta di "urlo e furore il cui significato è Nulla". Noi non siamo stati creati perché questo avvenga, anche se fanno di tutto per  convincerci del contrario. Teniamolo a mente.


48 comments:

Anonymous said...

Ciao Nessie, bellissima letterina; è vero abbiamo proprio bisogno di qualcosa di buono prendendo le distanze da ciò che non lo è. Grazie per il blog che ci tiene insieme. E ce n'è bisogno. Tantissimi auguri di buon Natale a te e a tutti gli amici.
Scarth

Nessie said...

Grazie Scarth, sono giorni un po' frenetici, ma poi ci sarà il tempo di fare con calma le nostre riflessioni, dal momento che nella "letterina" ho toccato un po' tutti i tasti. Per il momento il pandoro non sarà impastato con gli insetti e i lavoratori della Melegatti non perderanno il posto:-).

Infiniti auguri anche a te.

Hector Hammond said...

E sul fatto quotidiano si posta un'intervista a mauro biglino con l'avviso che potrebbe rovinare il Natale ai credenti
https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/12/19/gesu-era-un-alieno-mauro-biglino-risponde-lintervista-che-non-dovete-leggere-se-siete-credenti-e-non-volete-rovinarvi-il-natale/4047100/
Non c'è che dire, se cerchi di distruggere i dogmi cattolici , trovi sempre qualche amante della democrazia che ti dà spazio .

Giano said...

Cara Nesssie, continui ad esprimere benissimo quello che è il pensiero della maggioranza degli italiani; compreso il mio. E già per questo ti ringrazio. Non resta che farci gli auguri di Buon Natale e trascorrere serenamente le feste. Eppure, per tutti quei motivi che tu hai elencato, sotto sotto è sempre più difficile gioire, provare l'allegria di un tempo, ed anche gli auguri sembrano ricoperti da un sottile velo di rassegnazione e tristezza, perché sta venendo meno anche l'ultimo barlume di speranza in un cambiamento di rotta. Ma forse sono io troppo pessimista. Me ne scuso. Ancora sinceri auguri a te ed a tutti gli amici del tuo prezioso blog...

Bet said...

A proposito del 'pandhorror': hai notato, Nessie, come ci vanno soft col menù per adesso? Farina di bachi da seta...ohhh la seta! (certo formiche mosche o cimici non avrebbero fatto lo stesso effetto, loro la seta non ce l'hanno.)
Quanto ai valori nutrizionali e al contenuto proteico, immagino ne sia ben provvista anche quella cosa prodotta da uno dei due principali orifizi del corpo umano e che di solito finisce nelle fogne. Pandhorror al gusto di m...: e perché no, a sto punto?

Massimo said...

Dobbiamo continuare a sperare. Anche in una opposizione molle, ma pur sempre opposizione che potrebbe diventare maggioranza, se tutti la votassimo senza fare tanto gli sdegnosi, fermando il degrado, se non cominciando a provare ad invertire la rotta. In Ungheria, in Polonia, in Austria ci stanno provando nonostante le abituali manifestazione di piazza della sinistra che vuole condurci alla disgregazione. Un post al giorno AIUTA a togliere la sinistra di torno. :-). Buon Natale.

Huxley said...

Ciao Nessie, questa è una letterina di natale di un bambino Greco (e non aggiungo altro)
http://www.lantidiplomatico.it/dettnews-le_lettera_a_babbo_natale_di_un_bambino_greco_sono_stato_bravo_questanno_vorrei_tanto_cibo/11_22545/

Buone Festività a Te e a tutti i frequentatori di questo blog.

Nessie said...

Tenerissima e triste, questa letterina del bambino greco. Grazie Hux.

Nessie said...

Massimo, mi piace essere ottimista ma non credulona. E occorre, da qui a marzo quando il panorama sarà più chiaro, riflettere attentamente sul grado e sul livello di "mollezza" della futura opposizione. Poi, per carità, i compromessi e i conti con la realtà li facciamo un po' tutti.
Ungheria, Polonia e Austria fanno parte dei "duri" di Visengrad, altro che "mollezze"!

Nessie said...

Ciao Hector, non possiamo raccattare tutta la spazzatura che passano i giornali. Ogni tanto occorre rifiutarsi per il benessere della mente. Auguri!


---------------------------------------

Bet, la faccenda del Pand-horror fa sempre parte dell'operazione iconoclastia e blasfemia di cui ho igà ampiamente parlato nel post precedente del 12 dicembre.

Nessie said...

Ciao Giano, ti ringrazio per i bellissimi complimenti e contraccambio con grande affetto. Poi passo anche da te :-)

Bet said...

Hai assolutamente ragione, Nessie. Però si sperava che almeno il cibo, in un paese di grande tradizione culinaria come il nostro, ce lo lasciassero in pace. E invece no, devono imbastardire, o meticciare come vuole la neolingua, anche quello...i re Mida al contrario: dove toccano, trasformano l'oro in spazzatura. Apposta.

Ora spero solo che il buon senso (e il buon gusto!) degli italiani ricaccino in gola certe infamie ai pervertiti che le hanno ideate. E' una speranza plausibile, in fondo non tutte le mode, specie quelle cretine e contro natura, per fortuna attecchiscono. Ed è questo il mio augurio per il Natale e il nuovo anno: che sia la tomba del progetto distruttivo a 360 gradi portato avanti da menti tanto raffinate quanto diaboliche. E poi viva l'Italia, quella vera, grande e bella di cui noi siamo legittimi figli.

Un mega abbraccio a tutti! :-)

Anonymous said...

Per parte mia, auguro a tutta la bella gente che frequenta il blog di Nessie, anche quelli che non scrivono, di essere tutti più cattivi per questo Natale e l'anno che verrà. Auguro loro di diventare aggressivi e violenti nei confronti di chi sta perpetrando impunito il disastro odierno. Di prendere a cazzotti almeno i delinquenti con cui si ha la sfortuna di venire in contatto ogni giorno e di realizzare finalmente tutte le più brutte cose che ognuno pensa di fare quando legge i bollettini di guerra a cui ci siamo rassegnati da troppi anni. Perchè l'anno prossimo possiamo decidere autonomamente di essere più buoni, dobbiamo liberarci definitivamente di chi vorrebbe lo diventassimo per forza solo quando fa comodo a lui. Se proprio dobbiamo essere un pò più religiosi in queste feste, siamolo come quel Gesù Cristo che entra nel tempio e prende a bastonate tutto quello che trova fino a che non ha cacciato tutti quelli che l'hanno usurpato. Amen.

IL SAURO

Aldo said...

Bet: "Quanto ai valori nutrizionali e al contenuto proteico, immagino ne sia ben provvista anche quella cosa prodotta da uno dei due principali orifizi del corpo umano e che di solito finisce nelle fogne."

Ammesso che non si tratti della solita trovata per fare clamore, sono già anni che ci si pone il problema. Per ora si "lamenta" l'eccessiva costosità del processo, ma, come si sa, intervenendo sul fattore di scala i costi si possono sempre abbattere. Ah, giusto per saperlo, il fattore di scala siamo, ancora una volta, noi. Opportunamente plagiati per mandare giù anche questa.

Vanda S. said...

Carissimi amici, buon Natale e felice anno nuovo a tutti!
A volte anche gli odiosi social media possono essere utili: c'e' stato un battage di passaparola per esortare gli italiani a comperare prodotti Melegatti! L'ho fatto anch'io e ne sono orgogliosa!
Spero il prossimo anno vedro' sempre piu' VERA ITALIA, e sempre meno impostori, cialtroni e invasori!
Un abbraccio,
Vanda

Anonymous said...

Bellissima Nessie la tua letterina di Natale,
coi brillantini ed origami son solidale.
Tutto ai bei tempi era così bello e fatato,
Oggi invece, purtroppo tutto è cambiato,
a cominciar dal giovane aitante immmigrato
che Ong e Coop.rosse ci han rifilato ,
spacciandolo per "risorsa"a noi poverini,
ed invece oltre a costarci bei quattrini
minano la sicurezza di noi cittadini,
checché ne dica la megera Boldrini.

Son sei anni che ci rendono la vita grama
con lor politiche sinistre sul fil di lama
Son sei anni che ci rendon vita di stenti
questi servi delle banche e lobby potenti!
Fu da quando il demerito giullare al colle
con un golpe Monti tassator al governo volle
così scalzando l'ultimo governo eletto
per servir la culona ed il franco nanetto!
E dopo sei anni di politiche filomontiane
siam diventati la repubblica delle banane!

Ma inutile avvelenarci il sangue
pensando agli eventi per cui l'Italia langue!
Pensiamo al S.Natale ed alla notte santa
che così Gozzano alla fine ci canta :
"La neve, ecco una stalla,avrà posto per due?
che freddo siamo a sosta,ma quanta neve,quanta
un po' ci scalderanno quell'asino e quel bue
Maria già trascolora, divinamente affranta!
Il campanile scocca la mezzanotte Santa.

A tutti i miei più cari auguri di Buone Feste!
( Il Vate)

Anonymous said...

Noi paghiamo
perché come "poppolo" ce lo meritiamo ( "esclusi i presenti" naturalmente) .
Non sono certo stati i "Kattifi Krukki" ha dare il 41 % ai DEM(enti) , il 30 a fogna italia e ( presto ) il 30 agli acchiappagrullini sorosiani.
Si certo votare "diversamente" non ci sarebbe comunque servito a molto ( la magggistratura vigggila) ma almeno "l' onore" sarebbe stato salvato , e chi non ha "onore" non ha diritto a nessuna "patria"

Ora la situazione è talmente compromessa che solo un miracolo potrebbe salvare questo stolido " poppolo" di furbifessi; ma nemmeno DIO può salvar che non vuol salvarsi.
ws

PS scusate dimenticavo, BUON NATALE amici.

Alessandra said...

Bellissima letterina Nessie, così come le immagini scelte a corredo.
La condivido in toto!
C'è sì molta inevitabile amarezza, ma c'è anche una notizia dolce, in tutti i sensi, che lascia intravedere un filo di speranza. :-) Un plauso ai dirigenti e ai lavoratori della Melegatti che non si sono dati per vinti!
E raccolgo con convinzione il tuo appello finale. Rifugiamoci nell'affetto dei nostri cari e lasciamo fuori dalla porta le scelleratezze che ci tocca vedere ogni giorno.

@ Hector Hammond
Per disintossicarsi dall'articolo de "Il Fatto", eccone uno che smonta pezzo per pezzo le assurde teorie del tale Biglino, evidentemente l'ennesimo propalatore di bufale a caccia di notorietà.
Gesù ci mette in guardia dai falsi profeti (e tanti fanno a gara per esserlo).

https://www.informarexresistere.fr/mauro-biglino-e-lipotesi-degli-alieni-nella-bibbia-confutata-pezzo-per-pezzo/

Infine, regalo a tutti questa canzone: non è prettamente natalizia, ma spero possa essere di buon auspicio e di incoraggiamento contro quegli squallidi e mefistofelici personaggi che fanno di tutto per ammorbarci la vita!
Van Morrison e Cliff Richard in "Whenever God Shines His Light".

https://m.youtube.com/watch?v=--XE4CYGRSY

Buon Natale a Nessie e a tutti i frequentatori di questo blog!

Anonymous said...

La mia unica richiesta, per questo natale, è che chi ha perso la speranza possa ritrovarla, sul piano umano, perchè di quello religioso non mi occupo, pur rispettando (e invidiando) profondamente chi crede in qualcosa di superiore.

Ne ho visti e ne conosco diversi, persone che per un motivo o per l'altro si stanno umanamente spegnendo, impegnate nella quotidiana battaglia della sopravvivenza, condannati all'egoismo autodistruttivo, da aver perso di vista la differenza tra vivere e sopravvivere.
E allora si inchinano ai soprusi, piuttosto che combatterli.
Osservano le ingiustizie, in silenzio, per timore di esserne vittime.
Lo capisco, sebbene non sia nella mia natura, comprendo, ma spero sempre che queste persone, la maggioranza degli italiani, degli europei, degli occidentali, si ravvedano e capiscano che stanno venendo raggirati.

So che c'è tanta gente stanca, stufa, a disagio in un mondo che si sta capovolgendo e scivolando nella follia collettiva, e a loro va il mio pensiero, in quelli che dovrebbero essere giorni felici e lieti per la nostra cultura, giorni capaci pure di far tacere i cannoni e permettere un vero e spontaneo confronto anche nella tragedia della guerra, non mollate, non siete soli, non rinunciate al pensiero e alla speranza.

Buon Natale, buone feste.

- Fireflag -

Nessie said...

Mamma mia, basta distrarsi un poco che immediatamente trovo un mucchio di commenti. Scusatemi per il ritardo, ma questi sono giorni molto speciali e frenetici.

--------------------------------------------

Bet, purtroppo questi malfattori non lasciano nulla di intentato. Nel paese del buon cibo, dei buoni vini e del gusto per la buona cucina, introducono "nuove fasce di mercato" per mandarlo a ramengo.

Ottimo augurio, il tuo che condividiamo tutti :-)

Nessie said...

Perchè l'anno prossimo possiamo decidere autonomamente di essere più buoni, dobbiamo liberarci definitivamente di chi vorrebbe lo diventassimo per forza solo quando fa comodo a lui. Se proprio dobbiamo essere un pò più religiosi in queste feste, siamolo come quel Gesù Cristo che entra nel tempio e prende a bastonate tutto quello che trova fino a che non ha cacciato tutti quelli che l'hanno usurpato. Amen.

Preghiera laica che condivido, caro Sauro.

Nessie said...

Aldo, "fattore di scala"? Più che fattore di scala, lo chiamerei fattore di manipolazione ed esercizio nell' arte della Fatina dai Capelli turchini: far trangugiare a forza la medicina-porcheria. E più è disgustosa e amara la medicina, più riescono a farla trangugiare. Da qui a breve vedremo sorgere ristoranti che offrono MENU' a base di topi bianchi in salsa verde di cavallette, soufflé di formiche e spiedini di scorpioni.

Nessie said...

Grazie ws. Vedo che i tuoi leit-motiv preferiti non li abbandoni manco a Natale :-).

--------------------------------------

Complimenti, Vanda per esserti attivata a favore della Melegatti. Sei una vera patriota anche in USA. Buon Natale a te e ai tuoi cari!

Nessie said...

Grazie Vate, conosco bene quella magica poesia di Gozzano (La notte santa) che ci facevano imparare a memoria alla scuola elementare, quando non era ancora funestata dalle varie "Fedeli a oltranza".

Ecco qui il testo integrale da recitare accanto all'albero e presepe:


http://www.letturegiovani.it/semprenatale/Natale/grandi_autori/LA%20NOTTE%20SANTA.htm

Nessie said...

Grazie Alessandra, sto ascoltando la canzone. :-). Lo so che quella della Melegatti è una piccola dolce notizia, ma il poco si conta mentre il niento no. E invece di mugugnare sempre c'è gente come Vanda e molti altri che si sono attivati sui social a fare la catena di salvataggio col passaparola.

Nessie said...

Grazie Fireflag, hai delle richieste molto alte, ma se si sogna e si desiderano cose, allora tanto vale sognare in grande stile. Buon Natale.

Anonymous said...

Ricordo anch'io la poesia di Gozzzano e ricordo pure che l'ho recitata in occasione delle feste scolastiche di Natale dove tutte le classi davano il loro apporto con poesie e canti ed ogni bambino portava una statuina per allestire il presepe.Possiedo ancora tutte le letterine di Natale che scrivevo sia a mio padre che a mio nonno(eh sì avevo nonni ed una bisnonna, una volta si stava tutti assieme) e mi mancano tanto le esclamazioni di sorpresa le "trovavano".Purtroppo ci stanno togliendo tutto, ma nessuno mi impedirà di fare i cappelletti come tradizione comanda,gli insettacci li lascio a loro.Spero in una scintilla che faccia raddrizzare la schiena agli italiani, quelli veri, non quelli che ci stanno imponendo con la forza.

Auguri di un sereno natale a tutti.
Maria Luisa

Nessie said...

Brava Maria Luisa! Evviva i gustosi cappelletti emiliani e romagnoli fatti in casa! E che gli schifosi insettacci se li mangino i vari Juncker e Schulz. E così scopro che hai conservato un intero archivio di "letterine di Natale". Purtroppo io non ne ho conservata una, ma il loro ricordo è vivido nella memoria. Mi spiace solo che per i bambini di oggi è perfino difficile promettere di essere più buoni. Auguri anche a te.

Hector Hammond said...

Auguri Saura ! Ed auguri a tutti i frequentatori del forum !!!
Spero che nel 2018 arrivi qualche regalo , come il perito chimico vescovo di Roma che se ne torna in Argentina .
O simili , non mi faccio problemi .

Nessie said...

Perito chimico? Perché anche lui ha taroccato la sua laurea in teologia? Ma questo è un vil paese di taroccatori! Riaguri Hector.

Anonymous said...

Bergoglio non ha laurea in Teologia. Non ha completata la tesi. Comunque si vede a occhio nudo.

IL SAURO

Nessie said...

Ho capito, viviamo in un paese di impostori falso-laureati e taroccati. E più si è imbroglioni, più si sale ai vertici della scala sociale.

Anonymous said...

Stefano

Buon Natale a tutti.

Durante queso periodo natalizio, io invito a vedere la seguente intervista.
https://www.youtube.com/watch?v=3rSLQvMwUbg
Byoblu intervista Alberto Bagnai.
Anche se dura due ore, ne vale la pena.

Vanda S. said...

Cara Nessie, su Facebook abbiamo davvero scatenato una raffica di messaggi che ha addirittura spinto anche italiani all’estereo a richiedere prodotti natalizi della Melegatti! Eataly a NY è stato inondato di richieste e non è stato il solo! Siamo stanchi di ascoltare notizie di aiuto agli stranieri e vogliamo mandare un chiaro messaggio: l’Italia agli italiani!!!!!

Aldo said...

Vorrei esprimere apprezzamento per il commento di Fireflag.

Nessie said...

Grazie Stefano, non mancherò di visionarla.

Visto Vanda. Complimenti per il tuo impegno. Se ognuno facesse la sua parte invece di sacramentare sempre contro il "poppolo", certamente avremmo in più, qualche risultato visibile.

Nessie said...

PS: Vanda, ho messo il tuo messaggio di cordata pro Melegatti sui social, direttamente nel testo del post di questo blog.

Eleonora said...

Buon Natale a tutti Voi. Per quanto riguarda il pandoro di Melegatti, io non sono riuscita a trovarne UNO. Ma si sa, noi delle marche stiamo sempre molto, troppo indietro.

Nessie said...

Grazie Ele, non ti preoccupare. I pandori Melegatti da "falliti" che dovevano essere sono andati sold-out. Ovvero tutto esaurito.

Anonymous said...

Avevo letto di sfuggita la storia di Melegatti e avrei aderito volentieri ma purtroppo dalle mie parti i loro prodotti non arrivano. :(

In ogni caso i miei complimenti a Vanda per il suo gesto, e i miei migliori auguri agli operai di un'azienda italiana e alle loro famiglie che questa immagine caricaturale di stato sta abbandonando a loro stessi.

Intanto, forse, una buona nuova sotto l'albero ce l'abbiamo, a quanto pare la proposta dello ius soli è stato sconfitto , non sappiamo con certezza se per tutta la legislatura, ma sicuramente per il 2017.
Speriamo di aver schivato almeno questa.


- Fireflag -

Nessie said...

Sì, la caduta dello ius soli è una buona notizia. Ma tutta questa gentaglia come la Cirinnà e il comico Bergonzoni che fanno lo sciopero della fame per lo ius soli, li trovo patetici e irresponsabili. Spero che quegli idioti di Pentagrulli, non ci ripensino e non si comportino come hanno fatto per l'eutanasia.
Gente inetta manco capace di fare un albero di Natale là dove amministra. Vedi Spelacchio a Roma.

Cangrande said...


Ciao Nessie !!! Auguri di un buon Santo Natale !
A te e a tutti i lettori/commentatori, i quali sono un eccezionale "valore aggiunto" a questo splendido blog.

Jacopo Foscari said...

Tanti auguri di buon Natale a tutti. E riporto una buona novella, una volta ogni tanto. I cristiani di Mosul tornano a poter celebrare la natività dopo 4 anni di terrore islamista. Chissà che pure da noi si torni a celebrarlo come si deve

http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ContentItem-67a72c5c-51a7-42d9-b293-258549dd4ed3.html

Nessie said...

Ottima notizia, ho sentito. Grazie Jacopo! Ho sentito anche che questa sera a Betlemme ci sarà la messa di mezzanotte officiata dall'archeologo Padre Pizzaballa. In alcune parrocchie di località comuniste (parlo della Liguria e in particolare nello spezzino) ci sarà la messa alle 22, 00 invece che a mezzanotte. E questa "Natività à la carte", non mi garba per niente.


--------------------------

Troppo gentile, Cangrande. La banda dei commentatori "serenissimi" è un valore aggiunto :-).

Anonymous said...

Auguri di Buon Natale a tutti. Ma pareva strano che Badoglio rinunciasse anche durante la Messa di Natale a tirare la volata allo ius soli, appena stoppato in Parlamento. Ora si è inventato un Gesù Bambino che dispensa certificati di cittadinanza:

http://www.ilgiornale.it/news/cronache/francesco-ges-che-d-noi-tutti-documento-cittadinanza-1477383.html

Z

Anonymous said...

Ciao Nessie, auguri a te e ai frequentatori del tuo Blog.
Mi associo ai complimenti per la tua “letterina”, ricordando quelle che anche io mettevo sotto il piatto di mio padre, il giorno di Natale. Piene di buoni propositi, che finivano inesorabilmente disattesi.
Auguro alla tua una sorte migliore e mi unisco all’esortazione controcorrente del Sauro nell’auspicare, per il 2018, degli italiani “cattivi” o almeno incazzati tanto quanto la nostra situazione richiede. E consapevoli, finalmente, che ad essere “brava gente” si finisce sempre cornuti e mazziati.
(no caste)

Nessie said...

Grazie no caste, spero che tu abbia passato serenamente questa festività. Sono persuasa anch'io che occorra imparare a essere più "cattivi", nei confronti di chi ci infligge quotidiamente del male. Ma come si è spesso detto, gli "svegli" in grado di sare la spallata non sono ancora abbastanza. Ancora molti auguri!

Nessie said...

Z, ho letto di Bergoglio sui titoli on line dei vari quotidiani. In realtà Bergoglio non dimentica di lavorare per i suoi "padroni" nemmeno il giorno di Natale. Andremo avanti anche nonostante e senza il papa.